Fare allenamento con una bici ellittica per dimagrire e tonificare il proprio corpo è una pratica sempre più diffusa. Del resto è ormai attestata l’efficacia dell’allenamento con una bicicletta ellittica, che a parità di durata ed intensità, è permette di bruciare molte più calorie di una seduta sul tapis roulant o su uno stepper. Senza contare il basso impatto che ha sulle articolazioni e la facilità di allenamento, caratteristiche che rendono l’attrezzo adatto anche a chi è poco in forma o ha la necessità di recuperare gradualmente da un trauma muscolare o di tipo articolare.

Chi inizia ad utilizzare la bici ellittica per la prima volta deve però fare molta attenzione per evitare di bruciarsi, vanificando i soldi spesi per l’acquisto di un attrezzo costoso o quelli dell’abbonamento in palestra.

In primo luogo dovrà fare attenzione alla postura e poi al tipo di allenamento che andrà a sostenere. Per iniziare sono sufficienti davvero pochi minuti e un programma base. Poi, con il tempo, sarà possibile sostenere allenamenti sempre più difficili, lunghi ed articolati, a seconda delle proprie capacità e del grado di allenamento raggiunto.

Come dicevamo, prima di iniziare a fare un allenamento con la bici ellittica mirato è necessario mettere in atto tutta una serie di piccoli accorgimenti, in modo da evitare eventuali problemi e raggiungere più facilmente i propri obiettivi di allenamento. Due sono gli accorgimenti principali da adottare.

In primo luogo è necessario eseguire almeno cinque minuti di stretching, braccia e gambe, in modo da preparare il corpo all’attività sportiva. L’allenamento con l’ellittica infatti va a sollecitare sia gli arti inferiori che quelli inferiori.

In secondo luogo è fondamentale fare attenzione alla postura. La schiena dovrà essere sempre dritta, ma rilassata e nell’esecuzione dei movimenti bisognerà tenere la giusta distanza tra le braccia e i manubri delle bici, evitando di piegarsi.

L’allenamento con l’ellittica deve avvenire in modo regolare, evitando di interromperlo per eseguire più sessioni. Se proprio si è in difficoltà, è possibile diminuire la resistenza, ma la velocità deve restare costante. All’inizio però è consigliabile partire piano con le gambe, perché le ginocchia potrebbero finire per riportare problemi.

Vediamo di seguito un programma di allenamento nel dettaglio.

Prima Settimana – A giorni alternati

-Primo giorno

2 minuti di allenamento ad andatura medio lenta più 1 minuto di recupero in piedi per dieci volte.

-Secondo giorno

Due minuti di attività aerobica ad andatura medio lenta più 1 minuto di recupero in piedi per 12 volte.

-Terzo giorno

3 minuti di allenamento ad andatura medio lenta più 2 minuti di recupero in piedi per dieci volte.

Seconda Settimana – A giorni alternati

-Primo giorno

Cinque minuti di attività, dei quali 3 minuti ad alta intensità e 2 minuti a ritmo lento, più 1 minuto di recupero in piedi per 6 volte.

-Secondo giorno

5 minuti di attività dei quali tre ad alta intensità e due a ritmo lento, più 1 minuto di recupero in piedi per 7 volte.

-Terzo giorno

Cinque minuti di pedalata dei quali quattro ad andatura media e 1 a ritmo lento per 9 volte, più 35 secondi di recupero.

Terza Settimana – A giorni alternati

-Primo giorno

Sette minuti di allenamento dei quali cinque ad alta intensità e due a ritmo lento, più 1 minuto di recupero in piedi per cinque volte.

-Secondo giorno

7 minuti di attività dei quali 5 ad elevata intensità e 2 a ritmo basso, più 1 minuto di recupero in piedi per 7 volte.

-Terzo giorno

Dieci minuti di attività ad andatura medio-lenta con variazione di resistenza a propria scelta + 3 minuti di recupero in piedi per 6 volte.

L’ellittica offre l’opportunità di effettuare numerosi esercizi di diverso grado di difficoltà, ideati in funzione di obiettivi precisi. Nel caso in cui la sessione di allenamento risulti molto faticosa, consigliamo di farsi seguire da un personal trainer o dall’istruttore in palestra.