Se vuoi imparare come allenarti a casa, devi sapere una cosa, spesso gli attrezzi più utili e performanti sono quelli più semplici e più piccoli, perché lasciano al corpo grande parte del lavoro. Ecco che il power twister fa parte di questa lista di strumenti che non dovresti lasciarti sfuggire. Si tratta, infatti, di uno degli attrezzi migliori per allenare i pettorali, praticamente a corpo libero. Tra le altre cose, non ingombra perché occupa pochissimo spazio, il che lo rende facilmente trasportabile ovunque, anche in ufficio, se desideri fare una pausa allenandoti per qualche minuto.

A dispetto della sua semplicità, però, il power twister nasconde numerosi segreti, più imparerai a conoscerli, più potrai dare un valore al tuo allenamento. Vediamo dunque in cosa consiste e come funziona il power twister, e quali sono gli esercizi più indicati.

Come Funziona il Power Twister

Il power twister è un’asta composta da due manubri alle due estremità e da una molla di trazione centrale. Non a caso, è noto anche come espansore a molla o come barra pieghevole. La barra è sempre in acciaio, mentre le due estremità includono due impugnature in gomma, le quali rendono la presa salda e sicura. In realtà, volendo essere precisi, il power twister è composto da due sezioni di metallo unite alla già citata molla. Non si tratta di uno strumento ingombrante e particolarmente costoso, generalmente è lungo poco meno di un metro, circa 75 centimetri, e costa dai 10 ai 20 euro, a seconda del modello. Il suo vantaggio, rispetto ai macchinari per la palestra, dunque, è evidente, inoltre, trattandosi di un attrezzo molto versatile, potrai usarlo per allenare non solo il petto, ma anche altre fasce muscolari.

Vediamo come funziona il power twister. Impugnando le due barre e forzandole verso l’interno, la molla si flette presentando una certa resistenza. Questo consente ai tuoi muscoli di allenarsi.

Esercizi con il Power Twister

Come ti abbiamo anticipato, il power twister ti mette a disposizione diversi possibili esercizi per allenare i pettorali, ma anche i tricipiti e i bicipiti. Con questo strumento, infatti, è possibile fare sia i piegamenti verso il basso, sia quelli verso l’alto, ma anche il bar pull e le croci. Ecco perché, qui di seguito, ti mostreremo e ti spiegheremo come fare questi esercizi.l

Il bar pull è in assoluto uno degli esercizi più utili da fare con un power twister. Grazie a questo esercizio potrai allenare il petto, ma anche le spalle e i dorsali superiori della schiena. Per prima cosa devi portare di fronte a te l’attrezzo impugnando le due estremità. In seguito, devi alzarlo sopra la testa, quando lo fai, stai attento e cerca di mantenere la presa in modo saldo, per evitare che possa caderti. A questo punto, devi portare il power twister dietro la testa, abbassando e piegando i gomiti. Adesso, può cominciare l’esercizio, cerca di portare le impugnature verso l’interno, praticamente in direzione della tua nuca. In questo modo piegherai la barra a molla e consentirai ai tuoi muscoli di allenarsi a dovere.

Anche i piegamenti sono esercizi davvero utili per allenarti con il power twister: sia i piegamenti verso l’alto che quelli verso il basso. Partiamo proprio dai primi. In questo caso dovrai tenere il power twister all’altezza del tuo petto, stabilizzando il corpo facendo attenzione ad allargare le gambe. Inoltre, l’impugnatura dei manubri della barra dovrebbe essere rivolta verso l’alto, quindi con il dorso delle mani verso i tuoi piedi. Adesso, non devi fare altro che piegare l’espansore a molla verso l’alto, nel tentativo di fare toccare le due estremità del power twister. Puoi aiutarti con un gioco di polsi, oppure piegando anche i gomiti. Prima di ritornare alla posizione iniziale, cerca di tenere la barra piegata per circa 4 secondi. I piegamenti verso il basso sono quasi identici, solo che in questo caso sono i palmi delle tue mani ad essere rivolti verso i piedi. L’esercizio è facile, devi stingere le due impugnature, cercando di farle avvicinare il più possibile. Entrambi gli esercizi servono per allenare petto, tricipiti e bicipiti insieme.

L’ultimo esercizio che vedremo oggi è il chest fly, ovvero le classiche croci. Solo che, stavolta, non dovrai farle con i manubri ma con il power twister. Per prima cosa devi stenderti su un tappetino o su una panca. Adesso devi impugnare il power twister portando i gomiti paralleli alla tua testa, oltre che perpendicolari al suolo. Da questa posizione di partenza, devi piegare l’espansore a molla verso l’interno, cercando di avvicinare quanto più possibile le due estremità. Nel mentre che fai questo movimento, i tuoi avambracci dovrebbero avvicinarsi fino a sfiorarsi.